+1 (800) 5260 888 52 63info@ilbagnolo.it
Babbo Natale

Pranzo di Natale con pernottamento al Garda!

 

E se a Natale mangiassimo tutti un po’ meno ma molto più buono?

Ma come si fa a mangiare meno quando il cibo è più buono?
E’ automatico, ve lo garantiamo! Il cibo migliore, dal gusto più vero, sano e ben cucinato, rallenta la masticazione allo scopo di prolungarne i sapori. In alcune occasioni dell’anno, in particolare durante le festività natalizie e pasquali, succede che mangiamo troppo. La tradizione ci induce a preparare pasti pantagruelici, da cui usciamo sfiniti e assonnati.
In occasione del pranzo di Natale, anche quest’anno Il Bagnolo Eco Lodge vuole lanciare un’idea: mangiamo meno, ma più buono!
Se invece di sei o sette portate, ne prepariamo “solo” quattro, ma di grande qualità, il pranzo di Natale diventerà così un’esperienza emozionante da ricordare. Alla fine saremo comunque sazi ma anche più sani e, soprattutto, appagati.

IL NOSTRO MENU PER IL PRANZO DI NATALE 2015:

*** Il nostro prosciutto crudo stagionato 20 mesi con pesche senapate Il Bagnolo
*** Caramelle di zucca al burro demi-sel, salvia e Parmigiano
*** Bollito misto della tradizione (manzo, vitello, cotechino, gallina), preparato con le carni della fattoria, accompagnato dalle mostarde Il Bagnolo e dalla nostra salsa verde
*** Il nostro tiramisù in
vasetto

Prezzo per persona: 35 euro, bevande escluse.

Ma abbiamo un’interessante proposta anche per il dopo pranzo, perfetta per chi desidera fare due passi prima di rientrare a casa o addirittura ha voglia di fermarsi una notte per godere, oltre che della nostra cucina, anche della bellezza del territorio che circonda e avvolge Il Bagnolo!
Quello che vi proponiamo, dopo il pranzo di Natale, è di addentrarvi a piedi nei nostri boschi… i colori dell’inverno, gli alberi, gli affascinanti panorami, la biodiversità del Parco Alto Garda sapranno davvero stupirvi.
Potrete iniziare percorrendo il sentiero della Stacca che successivamente vi condurrà alla magnifica chiesetta di San Bartolomeo

Chiesa di San Bartolomeo

 

… da cui potrete proseguire fino al punto panoramico su Salò più suggestivo in assoluto, la Corna

 

Passo della Corna

 

… per poi rientrare al Bagnolo, passando da Serniga, felici e appagati.

INVECE, se dopo il ricco pranzo e la camminata vi sentite un po’ stanchi e, a quel punto, desiderate riposarvi, perché non provare le nostre nuove e confortevolissime Eco Suites? Dormirete avvolti dal silenzio della natura che circonda Il Bagnolo, in pace e serenità…

ECCO LA NOSTRA OFFERTA DI NATALE:

* Pranzo di Natale con menu degustazione (vedi sopra)
* Pernottamento in una delle nostre Country Rooms o Eco Suites
* Prima colazione a buffet con i prodotti della fattoria
* Cena di Natale, oppure pranzo di Santo Stefano, con menu alla carta presso il nostro ristorante
* Possibilità di noleggiare le nostre bellissime biciclette elettriche Fantic Seven Days Vintage, veri e propri SUV a due ruote, perfette per esplorare il nostro territorio secondo una filosofia slow e green al tempo stesso! Il loro motore elettrico, moderno e leggero, amplificherà la potenza della vostra pedalata con stile e nel massimo della sicurezza. Utilizzabili da chiunque, senza limiti d età, vanno dappertutto, su qualunque tracciato, senza il minimo sforzo da parte vostra. Guardate questo video e vi verrà subito voglia di provarle!

Bici elettrica

 

 

 

 

 

 

Quote p.p. in camera occupata da due persone, escluse le bevande: 130 euro (in Eco Suite); 110 euro (in Country Room)
Supplementi per eventuali culle – lettini – terzi letti – quarti letti: su richiesta
Noleggio biciclette elettriche: 25 euro per persona (mezza giornata – 4 ore)

INVIATECI UNA MAIL A INFO@ILBAGNOLO.IT … VI ASPETTIAMO!

Continue Reading
Fuochi d'artificio sul lago di Garda

Capodanno sul lago di Garda a Il Bagnolo Eco Lodge

Se volete vivere un’esperienza autenticamente agrituristica ed eco-sostenibile, immersi nel verde del Parco Naturale Alto Garda, a due passi dal lago, Il Bagnolo Eco Lodge è il posto che fa per voi. 

 

Perché Capodanno sul lago di Garda, perché al Bagnolo Eco Lodge? 

 

1) Per la qualità del sonno e del riposo, per dormire nel silenzio e nella pace della natura, avvolti dalla morbidezza dei nostri comodissimi letti

2) Per il comfort, lo charme e i servizi delle nostre nuove Eco Suites

3) Per la genuinità della prima colazione, preparata dalle nostre mani con i prodotti della fattoria e dell’agriturismo

4) Per la nostra cucina: semplice, sincera, autentica, gustosa, eco-sostenibile e, soprattutto, a km 0

5) Per le dolci note dell’elegante intrattenimento musicale che vi accompagnerà nel nuovo anno

6) Per un’emozionate giro alla scoperta del territorio in sella alle nostre esclusive biciclette elettriche 

7) Per la natura incontaminata che ci circonda, per le passeggiate nel bosco e i paesaggi mozzafiato

8) Per godersi un aperitivo al tramonto sul bellissimo lungolago di Salò

9) Per una visita al suggestivo Vittoriale degli Italiani di Gabriele D’Annunzio, a Gardone Riviera…

 

… il decimo motivo lo deciderete voi!

Per il vostro Capodanno sul lago di Garda vi proponiamo un OFFERTA DI SOGGIORNO DI TRE NOTTI, con arrivo e partenza a vostra scelta fra il 29 dicembre 2015 e il 3 gennaio 2016, comprendente:

 

Tre pernottamenti in Country Room o Eco Suite

Tre ricche prime colazioni a buffet

Un goloso omaggio dalla nostra bottega

Due cene prelibate con scelta alla carta, presso il nostro ristorante

Cenone di San Silvestro presso il nostro ristorante, con il seguente menu degustazione:

 

* Il nostro prosciutto crudo 20 mesi con pesche senapate Il Bagnolo

* Risotto con zucca, amaretto e scaglie di stagionato a latte crudo intero Il Bagnolo

* Lasagne con ragù di coniglio della fattoria profumato al rosmarino

* Manzo della fattoria brasato al Valpolicella con crema di patate all’olio

* Cotechino nostrano con lenticchie

* Tortino di cioccolato fondente 70% con salsa al caramello

 

La serata dell’ultimo dell’anno, inoltre, sarà accompagnata dalle note raffinate ed eleganti del duo pianoforte e sax del Mighty Note Jazz Club di Brescia, per una cena di alto livello anche dal punto di vista musicale.

 

Quote per persona tutto compreso, vini esclusi:

 

In Eco Suite occupata da due persone: 310 euro per persona

In Country Room occupata da due persone: 250 euro per persona

 

Supplementi per culle – lettini – bambini – terze – quarte persone: SU RICHIESTA.

 

 

 

Continue Reading
Pasta e fagioli

Pasta e fagioli – le nostre ricette

Fagioli borlotti freschi

La pasta e fagioli è un piatto di cui molte regioni si contendono orgogliosamente la paternità. Noi al Bagnolo Eco Lodge siamo sicuramente influenzati dalla tradizione veneta delle cuoche di casa nostra, qui in particolare della mitica zia Irma. Comunque, una cosa è certa, la pasta e fagioli è buona ovunque! Di solito la si fa con i fagioli borlotti, secchi o freschi, ma per prepararne una veramente deliziosa potete usare anche i fagioli di Lamon (Belluno), di montagna, che hanno un sapore unico. Qualcuno dice che la vera pasta e fagioli è talmente densa che se si infila il cucchiaio, rimane in piedi. Secondo noi, la cosa migliore è una via di mezzo, non così densa ma neanche troppo liquida!

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

200 g di fagioli borlotti (o di Lamon) secchi oppure 400 g se freschi
150 g di maltagliati di pasta all’uovo
1 pezzo di osso di prosciutto crudo
80 g di pancetta di maiale
1 cipolla
1 carota
1 gambo di sedano
2 cucchiaiate di salsa di pomodoro
2 foglie di alloro
olio extravergine di oliva, sale e pepe di mulinello

Pasta e fagioli del Bagnolo Eco Lodge

Ammollare i fagioli per 12 ore in acqua tiepida, scolarli, sciacquarli e metterli in una casseruola, oppure sgranare i fagioli freschi, sciacquarli, dividerli a metà in due casseruole uguali. Unire l’osso di prosciutto, la pancetta tritata, cipolla-carota-sedano tritati, 2 foglie di alloro e due belle cucchiaiate di salsa di pomodoro. Coprire a filo con acqua, portare a bollore e cuocere a fuoco dolce per due ore. Unire acqua bollente se necessario. Levare l’osso di prosciutto e l’alloro. La zuppa deve essere piuttosto brodosa. Estrarre metà zuppa e frullarla, poi passarla a passaverdura. Riunire zuppa frullata e non frullata nella casseruola e addensare a fuoco dolce, a piacere. Regolare di sale e pepe. Cuocere la pasta a parte tenendola al dente poi gettarla nella zuppa dove finirà la cottura, mescolando. Spegnere e lasciare intiepidire. Servire con un filo d’olio buono e pepe macinato al momento.

IL NOSTRO SUGGERIMENTO: preparate la pasta e fagioli il giorno prima e fatela riposare, il giorno dopo è sempre più buona!

ACQUISTO: se comprate fagioli freschi, i baccelli devono essere ben sodi, turgidi, leggermente flessibili ma non elastici e senza macchie scure che annunciano una rapida marcescenza.

 

 

Continue Reading
Madonna di Montecastello

La Bassa Via del Garda, itinerario per riscoprire l’entroterra

Un cammino attraverso la natura e la storia del Garda. E’ la Bassa Via del Garda, il lungo itinerario escursionistico (quasi cento chilometri) che collega Salò a Limone, tracciato a fine anni Novanta su iniziativa dell’Azienda Regionale delle Foreste e intitolato a Roberto Montagnoli (il fondatore della casa editrice bresciana Grafo e di AB – Atlante Bresciano, ndr), che unisce la costa alla rete di strade e sentieri dell’entroterra e permette di entrare in contatto con la straordinaria varietà di paesaggi che caratterizza il territorio.

Il sentiero della Bassa Via del Garda corre a mezzacosta. Assolato in tutte le stagioni ma in ogni stagione con colori e profumi diversi, sia quando si snoda allo scoperto, tra olivi, rose canine, scotani soffiosi in primavera e fiammeggianti d’autunno, sia quando penetra nella frescura del bosco, tra frassini e carpini, o sotto gli imponenti esemplari di castagni e faggi, che allargano le chiome ombrose e d’inverno rameggiano nere grafie nel cielo.

Di fronte, in basso, sempre il lago di Garda, col variare dei suoi colori e delle sue atmosfere: il bianco lattiginoso appena imbevuto d’azzurro della calura estiva, la limpidezza di certe giornate invernali o primaverili, l’imbrunirsi cupo dei momenti di burrasca, il trascolare dorato di certi crepuscoli. Con un fascino speciale d’inverno, quando a volte la distesa d’acqua scompare sotto i vapori di nuvole e nebbie.

Di fronte, sull’altra costa, sempre il Monte Baldo, mutevole anch’esso nel suo aspetto: da lontano, pacifica mole degradante, diventa imponente e quasi arcigna nel tormento dei ghiaioni e delle incisioni via via che si risale l’Alto Garda.

 

BASSA VIA DEL GARDA – PRIMO TRATTO

Salò – San Bartolomeo (Segnavia n. 17)

Salò

Il lungolago di Salò

L’itinerario della Bassa Via del Garda inizia dal quartiere del Carmine a Salò, nei pressi della fermata delle autolinee. Imboccando la stradina asfaltata che inizia in rapida salita, stratta tra gli edifici di via S. Bartolomeo, si arriva al tabernacolo dedicato al Santo, posto su una biforcazione; qui si prende la via a sinistra, cinta da vecchie muraglie, raggiungendo in breve la strada statale e, superatala, si prosegue sulla strada carreggiabile sino alla successiva biforcazione dove si svolta nuovamente a sinistra (via Pineta). Procedendo sino ad immettersi nella più larga via del Seminario, e camminando in salita lungo la stessa, dopo pochi metri si raggiunge un modesto spiazzo di fianco ad un ruscello (Q. 180, h. 0,10). Qui termina la parte urbanizzata e inizia il sentiero segnalato con il n. 17 – Bassa Via del Garda, che, bellissimo e ombreggiato, risale le pendici del monte S. Bartolomeo. Tra il folto della pineta si aprono suggestivi scorci sul golfo di Salò. Il traffico della cittadina sembra lontano e l’ambiente è inusuale: il bosco è fittissimo, con alberi imponenti avvinghiati all’edera e con un sottobosco basso, quasi strisciante, ricoperto in primavera di pervinche e violette, dal quale emergono qua e là cespugli di alloro spontaneo e di pungitopo. Si fiancheggia per un breve tratto un ruscello che presenta dei massi curiosamente arrotondati, inconsueti per la zona, compiendo poi un traversone pianeggiante in direzione ovest per risalire nuovamente su tracciato con gradini in legno e terra battuta.

Passo della Corna

Il golfo di Salò dal passo della Corna

A quota 350, dopo circa 4o minuti di cammino, la ripida salita termina nei pressi di una particolare conformazione geologica in conglomerato argilloso sporgente dal pendio. E’ la cosiddetta Corna, punto panoramico per eccellenza affacciato sul golfo di Salò e le altre insenature del basso lago, con bella vista sull’ampia e sorprendente distesa di oliveti che circondano l’antico nucleo della cittadina. Proseguendo in direzione est, prima in piano e poi di nuovo in salita, si esce dal tratto ombreggiato del pino austriaco, continuando allo scoperto fino a raggiungere la strada capezzagna che, tra prati e case sparse, in breve conduce alla località S. Bartolomeo e alla chiesetta omonima. Dal suo sagrato, fiancheggiato da un monumentale ippocastano, si gode di un incantevole panorama sul lago: è un bel posto per una prima sosta e per ammirare nuovamente dall’alto le colline moreniche e il variato profilo del Garda. (Q. 528 slm; h. 1,15). Qui termina il primo tratto della Bassa Via del Garda.

Chiesa di San Bartolomeo

Chiesa di San Bartolomeo

Continue Reading