+1 (800) 5260 888 52 63info@ilbagnolo.it
Il-Bagnolo-Eco-Lodge_Tradizione

Bagolino e i suoi Balarì

Il Carnevale di Bagolino è la manifestazione folkloristica più storica del Lago di Garda. A Bagolino infatti  tutte le tradizioni carnevalesche vengono rispettate fedelmente e danno origine ad un evento invernale molto apprezzato sia dal turismo che dagli abitanti del luogo.

Nato nel XVI secolo il carnevale di Bagolino si articola in due manifestazioni differenti: una animata dalle eleganti figure dei Balarì (ballerini e suonatori) e l’altra dalle figure grottesche dei Maschér (maschere).

La tradizione dei Balarì, che si esibiscono esclusivamente il lunedì ed il martedì di carnevale, rappresenta l’aspetto più spettacolare del Carnevale Bagosso caratterizzato  da musiche originali e danze complesse.

La tradizione delle maschere invece ha carattere più popolano, riferendosi alla tradizione della burla carnevalesca consumata sempre mantenendo incognita la propria identità.

I personaggi si muovono disordinatamente tra la folla, con maschere grottesche o paurose e zoccoli di legno che producono frastuono sul selciato delle vie, indossano i costumi tipici della tradizione bagossa e importunano con scherzetti e palpeggiamenti  le persone che vogliono canzonare.

Continue Reading
15563592679_39f54242cb_o

Luoghi dello spirito

Il Lago di Garda è ricco di molti luoghi di spirito ciascuno caratterizzato da una storia unica. Di seguito alcuni dei Santuari più celebri sorti nelle zone vicine all’agriturismo il Bagnolo.

Convento – Santuario Madonna delle Grazie: In una zona climatica privilegiata da un microclima di tipo mediterraneo, a 4 km dal lago di Garda, nel 1483 sorge il complesso conventuale, ingrandito nel XVIII secolo. Nel 1810 con le soppressioni napoleoniche, il Convento venne chiuso e i suoi arredi venduti. I Frati ritornarono nel 1815 e restaurarono il Convento nel 1858.

Monastero delle servite: Il Monastero di Arco è stato fondato nel 1689 dalla veneziana M. Arcangela Biondini (1641-1712) una delle maggiori scrittrici mistiche del tempo. Membro delle Serve di Maria nel Monastero di Burano si trasferì poi ad Arco dove con l’appoggio della famiglia imperiale asburgica riuscì ad erigere il monastero femminile.

Santuario Madonna di Montecastello: La storia narra che nel secolo XIII, durante una violenta battaglia tra Bresciani e Trentini, una luce abbagliante scaturita dal castello, dove già esisteva un tempietto dedicato a Maria, paralizzò i Trentini, permettendo ai Bresciani di sopraffarli. Gli abitanti di Tignale testimoniarono la presenza di Maria sulla montagna in forma di Stella luminosa, per questo il primo titolo di questa Madonna sarà “Madonna della Stella”.

Santuario – Basilica Madonna della Corona: Il Santuario della Madonna della Corona si trova a metà della parete rocciosa del Monte Baldo, quasi incastrato tra le rocce. La tradizione narra che nel 1522 sia apparsa su questi monti l’immagine della Madonna, sparita da Rodi durante la conquista turca. Il nome “della Corona” deriva dalla catena di monti circondano il Santuario che sembrano appunto creare una corona.

Santuario della Madonna del Carmine: La costruzione del Santuario fu iniziata nel 1460 accanto alla cappella dedicata a “S. Maria delle Grazie” e fu consacrata solennemente il 17 gennaio 1482 dal vescovo carmelitano Giorgio Vink. La storia racconta che il Santuario sia stato costruito dai pescatori del luogo che volevano così esprimere la loro riconoscenza alla Vergine per averli tante volte salvati dalle improvvise e tremende tempeste che si scatenano sul lago e impetrare, anche per il futuro, aiuto e protezione. In passato il Santuario è stato la meta di molti pellegrini che giungevano fino a San Felice per chiedere a grazia da qui ripartivano ringraziando per le grazie ricevute.

Eremo di Monte San Giorgio: Sorto sul promontorio che domina il tratto di costa orientale del Lago di Garda, in una posizione molto panoramica, l’eremo di Monte San Giorgio comprende una Chiesa che conserva la tela di Palma il Giovane raffigurante San Romualdo, fondatore dell’Ordine Camaldolese. Oltre alla chiesa l’eremo ha una zona di clausura formata da otto celle disposte su file parallele, ognuna con un piccolo orto destinato a fornire ai Monaci di che sostentarsi. Sulla sommità del piccolo promontorio i religiosi hanno collocato una Via Crucis.

Abbazia di Maguzzano: L’antica “Abatiola” benedettina di Maguzzano sorgeva presso una strada romana alla fine del nono secolo. Nel corso della storia subì diversi danni e passaggi di proprietà fino al 1938 quando passò a Don Giovanni Calabria, sacerdote veronese che aveva da poco fondato la Congregazione dei Poveri Servi della Divina Provvidenza, in Verona.

Convento – Santuario della Madonna del Frassino: Proprio accanto al laghetto di origine glaciale del Frassino, il Convento e il Santuario furono eretti nel 1514. Il nome deriva dalla miracolosa apparizione della Madonna, una statuina in terracotta di fattura francese, luminosa, dimenticata su un frassino da un soldato francese aggredito da un serpente. Oggi la statuetta in terracotta dell’apparizione è custodita dentro un pezzo dell’antico frassino nella cappella della Madonna. ll Convento, unito al Santuario, ha due Chiostri: il Chiostro degli Uccelli, con al centro una voliera; il Chiostro Interno con al centro la vasca dei pesci rossi e delle tartarughe marine, con affreschi del Seicento che narrano le Storie di San Francesco e di S. Antonio del Muttoni. Nel 1960 è stata costruita la Cappella Penitenziale, adiacente al Santuario.

Continue Reading
Il-Bagnolo-Eco-Lodge_barca

Prendendo il largo

Il Lago, elemento caratterizzante la zona del Garda,  offre molteplici opportunità per spostarsi e visitare il territorio direttamente dalle sue acque.

Sul Lago di Garda è infatti possibile effettuare svariate gite in barca che permettono di visitare luoghi incantevoli  altrimenti inaccessibili o semplicemente di visitare le bellezze del luogo evitando il traffico e il caldo dei viaggi in auto. A seconda delle esigenze e dei gusti dei turisti il Lago di Garda propone gite in barche private, escursioni personalizzate, visite organizzate e mezzi pubblici come battelli e  traghetti che permettono di viaggiare sulle acque del lago per raggiungere mete differenti.

Per quanto riguarda i servizi privati, ecco alcuni dei centri nautici più vicini alla Località il Bagnolo:

Salò
Centro Nautico “La Darsena” Loc. Barbarano – Telefono: 0365 20255
Centro Nautico Salò – Telefono: 0365 43443
Motonautica Zanca – Telefono: 0365 43476
Gardone Riviera
Baia Boat Service – Telefono: 0365 21918
Gargnano
Cantiere Nautico Feltrinelli – Telefono: 0365 71240
Marina di Bogliaco (Bogliaco 2000) – Telefono: 0365 72575
Garda
Cantiere Dal Ferro – Telefono: 045 7256600
Nautica Salaorni Gabriele – Telefono:045 6270459
Desenzano del Garda
General Nautica – Telefono: 030 9110391
Lepanto Yachting – Telefono: 030 9142241
Nuova Garda Cantieri – Telefono: 030 9911349
Nautica Carlo – Telefono: 030 9110654
Per quanto riguarda i servizi privati, l’orario completo in PDF è scaricabile a questo link.

 

Continue Reading
Il-Bagnolo-Eco-Lodge_Cento-Miglia

Mille Miglia o Cento Miglia?

La Mille Miglia è una corsa di lunga distanza effettuata su strade aperte al traffico. La manifestazione iniziò nel 1927 per volere del conte Aymo Maggi che, offeso dal fatto che Brescia, sua città natale, fosse stata esclusa dal Gran Premio d’Italia, inventò, finanziato da Franco Mazzotti, un metodo per renderla protagonista.

Scelse quindi un percorso a forma di “otto” da Brescia a Roma e ritorno, su una distanza di circa 1.600 km (corrispondenti a circa mille miglia, da cui il nome).
Considerato il grande successo della prima edizione, l’evento venne ripetuto per 13 anni prima della seconda guerra mondiale e 11 dopo il 1947.
Dal 1977 la Mille Miglia rivive sotto forma di gara di regolarità per auto d’epoca. La partecipazione è limitata alle vetture, prodotte non oltre il 1957, che avevano partecipato alla corsa originale.

Oggi l’evento rappresenta una delle manifestazioni automobilistiche più attese dell’anno sia per gli abitanti del luogo che per i turisti del Lago di Garda che possono godere di uno scenario davvero inconsueto.

Riprendendo il format della gara automobilistica Mille Miglia, il Lago di Garda funge ogni anno da cornice anche della Cento miglia, una famosa regata velica indicata come la più lunga che si svolge in Europa su acque interne e la più longeva in Italia (60 anni celebrati nel 2010).

Il percorso varia in funzione della tipologia e della lunghezza delle imbarcazioni. I monoscafi partono tradizionalmente dal porticciolo di Bogliaco di Gargnano per risalire il lago fino a Torbole, viaggiare verso Sud a Desenzano e tornare infine a Gargnano.

Continue Reading
Il-Bagnolo-Eco-Lodge_cultura

Lago di Garda: luogo di arte e cultura

Il territorio gardesano ricco di storia e molto apprezzato da molti personaggi del passato, offre anche interessanti percorsi artistico culturali.

Il Vittoriale – Dal 1921 Gardone Riviera ospitò il poeta Gabriele D’Annunzio nell’allora ’Villa Cargnacco’ trasformata successivamente dallo stesso Vate nel complesso monumentale del Vittoriale.

L’eclettica composizione, conserva tutto lo splendore delle origini e permette di la dimora personale del D’Annunzio, la Nave Puglia, il Mausoleo dove al centro è sepolto il Vate, e ancora il M.A.S., le auto, i giardini e l’Anfiteatro all’aperto che ogni anno, ospita numerosi spettacoli.

Museo del Divino Infante – A Gardone Riviera si può visitare il Museo del Divino Infante che raccoglie oltre 200 sculture del Bambino Gesù, inerenti agli ultimi tre secoli.

Arena di Verona – Splendido anfiteatro romano nel centro storico di Verona, l’arena risale alla prima metà del I secolo d.C.

Museo di Santa Giulia – nel centro storico della città di Brescia si erge il complesso museale di Santa Giulia che trova sede nel monastero benedettino femminile di San Salvatore e Santa Giulia, fondato nel 753 d.C. dal re longobardo Desiderio.

Museo Rocca di Manerba – All’interno del Parco Archeologico Naturalistico della Rocca di Manerba del Garda sorge il museo archeologico che si divide in due tematiche.

A piano terra ci sono i reperti archeologici che testimoniano la storia del Paese, mentre al primo piano c’è la sezione naturalistica che permette di conoscere la flora e la fauna tipica del Parco che circonda il museo.

Ai suoi visitatori il museo offre due percorsi: uno basato sulla storia del museo stesso, l’altro di carattere più generale suddiviso in aree storiche, oltre alle varie mostre temporanee dedicate a particolari artisti e periodi.

Da sempre utilizzata per manifestazioni a carattere spettacolare, quali lotte tra gladiatori, giostre e tornei è oggi considerato il più importante teatro lirico all’aperto sede ogni anno del festival lirico.

La collezione Hiky Mayr rappresenta la più importante rassegna di opere figurative del Divino Infante e il museo ospita anche un presepe napoletano del XVII secolo con oltre 130 figure.

Continue Reading